Comune di Pura

Parrocchia

Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino
Oratorio della Beata Vergine delle Grazie (Gesora)

Altre immagini:
visita Galleria

Ur miracul da Madona

(leggi traduzione a fine testo)

Storièla di temp du Giovann Marìa da Púria

(Testo di Rita Walter-Rossinotti)

In scim ar paìs, indóa ch'u s ciarna Cozora, u gh'è una cà che la pòrt er nümer tredes. In da sta caa u stava denta, ai tem vecc, un om e na dòna che i fava osterìa; anzi l'eva r'osterìa ura püssee frequentada da tütt ur paìs.

Ma quela ch'a conzümava vin püssee che tücc i aventór l'eva certament ura padrona. Par cumenzaa la gh'eva giü in cantina, prèss a ra bota, una squèla che in font u gh'eva pitürò sü ura Madòna. Tücc i vòlt che l'andava in cantina la impieniva ra so squèla, la ra beveva fin a r'ültim, la lepava i lèfri e la diseva: "Ò tì, cara Madòna, a voi pròpi vedét tüta!".

Ur so om alora l'a penzò da compragan vüna con sü ur diavul, pensant che ur diavul l'è mia un gener da fa gnii ura vöia da vedél da spess. Ma sì! i vòlt che l'andava in cantina i eva mina men. La s fava fora ra so squèla bèla piena e pö la ra beveva con gran piasì e la diseva: "A tì, brütt diavul, a vöi pròpi lassaten gnanca na gota!".

Quel povr um l'eva disperò. "Tu podaresset be bef um pó d'aqua, cumé ch'i fa tücc, naa a ra siidèla, quan ch'a tu gh'é set", u gh diseva. Um bèl dì l'è pròpi restò strabigliò. li eva setee giü intorn a um bèl föch, un dop mesdì d'invèrn, lee cu ra so roca a firaa, lèè a fümaa ra so pipa. "A gh'o na set du diavul, ma incöö a voi pròpi bef aqua!". E difati la va a ra südèla e la bef do cadór pién. Da lì a una quai ora la ripét ammò. Istu povr um u seva piü che san ringraziaa, vedee ra so dòna a bef aqua; pròpi um mèzz miracoli Poru sempiu d'un umett: u r seva mia amrnò che i dònn i è püssee furbi du diavul. Ura ròba l'è che lee l'eva irnpienìt ra südèla da vin e, tem da sira, intré ur cal du föch e i füm du vin, l'eva bèll e nacia.

Lü l'ev anca sìndech du paìs e, um bèl dì, l'a duvü nà a Lügàn par queicòss du municipio. Portaa dree ra ciàf da cantina l'eva gnanca da penzaa: ur viagg l'eva longh a pè e ra ciàf la sorneava a quela du sam Pedru; impossibul portala dree. Penza e ripenza, a ra fìn l'a trovò um böcc che gnanca ur Bargnìf u r'avress truvada, segón Iüü. Bon! lü l'è nacc. Quela pora dòna l'eva cume mata senza ur so da bef. Sü e giü da cantina, sü e giü di stanzi, scià e là da cort, cerca e ricerca, inütil! A ra fin la va sü in du coridoo da sora indó ch'u gh'é tacò sü ar mür un quadro da Madòna. Cu ra so gran fet la prega ra cara Madòna da fagh trovaa ra ciàf.

Vist che r sò pregaa u vareva navott, la s'alza sü im ponta da pè, la ciapa or quadru con tücc do i man e la ra scòrla con una fòrza che ur ciòt u salta föra e ra ciàf tanto cercada la burla in tèra. Imaginass ra contentezza da quela dòna: "Ura Madòna l'a facc un miracul!", la s'à metüda a vosaa. L'a ciamò tücc i comà visìn; giú pa ra cantina in prucessiùn; bef tì ch'a bevi anca rnì, squèll e bocaa da vin a tücc chi ch'a n voreva! Lee pö parlemen iaa: la n'a beüü pa ra sed du matìn, du mesdì e da sira. Ur poru sìndech, quan ch'a l'è nücc a cà, u r'a trovada in d'um stat che ur püssé bèl ch'a l'a podü faa l'è stacc quel da portala in lecc. Ma da quel dì a credi che u gh'abia scapò ra vöia da fa osterìa.

(Da O. Kelier, Die Präalpinen mundarten des Alto Luganese, in Vox Romanica, VoI. 7, I943/44, P. I74)



Il miracolo della Madonna

Storiella dei tempi del Giovanni Maria di Pura

In cima al paese, dove si chiama Cozora, c'è una casa che porta il numero tredici. In questa casa stavano dentro, ai tempi vecchi, un uomo e una donna che facevano osteria; anzi, era l'osteria la più frequentata di tutto il paese.

Ma quella che consumava vino più che tutti gli avventori era certamente la padrona. Per cominciare, aveva giù in cantina, presso alla botte, una scodella che in fondo c'era pitturata su la Madonna. Tutte le volte che andava in cantina (era spesso) riempiva la sua scodella, la beveva fino all'ultimo, leccava le labbra e diceva: "Oh te, cara Madonna, voglio proprio vederti tutta!"

Il suo marito allora ha pensato dicomprargliene una con su ìi diavolo, pensando che il diavolo non è un genere da far venire la voglia di vederlodi spesso. Ma sì! le volte che andava in cantina non erano meno. Si faceva fuori (si versava) la sua scodella bella piena epoi la beveva con gran piacere e diceva: "A te, brutto diavolo, non voglio proprio lasciartene neanche una goccia!".

Quel pover'uomo era disperato. "Potresti be' bere un po' d'acqua come fanno tutti, andare al secchio, quando hai sete", le diceva. Un bel giorno è proprio restato strabiliato. Erano seduti intorno a un bel fuoco, dopopranzo d'inverno, lei con la sua rocca a filare, lui a fumare la sua pipa. "Ho una sete dei diavolo, ma oggi voglio proprio bere acqua!" E difattí va al secchio e beve due romaioli pieni. Di lì a una qualche ora ripete ancora.

Questo pover'uomo non sapeva più che santo ringraziare, a vedere la sua moglie bere acqua; proprio un mezzo miracolo! Povero sempliciotto d'un ometto: non sapeva ancora che le donne sono più furbe dei diavolo. La cosa (il fatto) è che lei aveva riempito il secchio di vino e, tempo di sera (alla sera), tra il caldo dei fuoco e i fumi dei vino, era bell'e andata (ubriaca).

Lui era anche sindaco del paese e un bel giorno è dovuto andare a Lugano per qualcosa dei municipio. Portar dietro (con sé) la chiave della cantina non era neanche da pensarci: il viaggio era lungo a piedi e la chiave assomigliava a quella di san Pietro; impossibile portarla dietro. Pensa e ripensa, alla fine ha trovato un buco che neanche il diavolo l'avrebbe trovata, secondo lui. Bene! Lui è andato. Quella povera donna era come matta senza il suo da bere. Su e giù dalla cantina, su e giù dalle stanze, qua e là dalla corte, cerca e ricerca, inutile! Alla fine va su nel corridoio di sopra, dove c'è attaccato al muro un quadro della Madonna. Con la sua gran fede prega la cara Madonna di farle trovare la chiave.

Visto che il suo pregare non valeva niente, si alza su in punta di piedi, piglia il quadro con tutte due le mani e lo scuote con una forza (tale) che il chiodo salta fuori e la chiave tanto cercata cade in terra. Immaginarsi la contentezza di quella donna: "La Madonna ha fatto un miracolo!", si è messa a gridare. Ha chiamato tutte le comari vicine; giù per la cantina in processione; bevi tu che bevo anch'io, scodelle e boccali di vino a tutti quelli che ne volevano! Lei poi non parliamone: ne ha bevuto per la sete dei mattino, dei mezzodì e della sera. Il povero sindaco, quando è venuto a casa, l'ha trovata in uno stato che il più bello che ha potuto fare è stato quello di portarla in letto. Ma da quel giorno credo che gli sia scappata la voglia di fare osteria.



Torna a Parrocchia

Municipio di Pura, 6984 Pura
Tel 091 606 21 28
Fax 091 606 30 23
info@pura.ch